sciènza s. f. [dal lat. scientia, der. di sciens scientis, part. pres. di scire «sapere»] Sapere, dottrina, insieme di conoscenze ordinate e coerenti, organizzate logicamente a partire da principî fissati univocamente e ottenute con metodologie rigorose, secondo criterî proprî delle diverse epoche storiche.

fantaìa s. f. [dal lat. phantasĭa, gr. ϕαντασία, der. di ϕαίνω «mostrare»] Facoltà della mente umana di creare immagini, di rappresentarsi cose e fatti corrispondenti o no a una realtà.

Praticamente siamo di fronte a due opposti, come possono quindi andare a braccetto scienza e fantasia in un unico libro? Partiamo da un’altra domanda però: vi siete mai chiesti cosa c’è dietro una bacchetta magica? E nell’antro di una strega? Come ha fatto la Bella Addormentata a dormire così tanto? Non ci dite che vi siete semplicemente fermati alle apparenze e che avete preso queste storie per buone!

WhatsApp Image 2018-10-17 at 21.14.17 (1).jpg

Gli uomini hanno sicuramente più fantasia che scienza. La scienza è una cosa a cui si approda con il tempo, con lo studio, con i tentativi; la fantasia ce l’abbiamo dentro da subito. È quella scintilla senza cui nulla esisterebbe. Con l’immaginazione l’uomo può fare qualsiasi cosa, ma per pensare qualsiasi cosa dobbiamo pur aggrapparci a qualcosa di reale. Nel libro Scienza della fantasia di Davide Coero Borga, illustrato da E. Chilese ed edito da Codice Edizioni ci viene spiegato proprio questo. Possiamo essere innovativi e fantasiosi quanto vogliamo, ma il verosimile avrà sempre la meglio. E così ci viene spiegato ad esempio che è possibile dormire e sembrare morti come la Bella Addormentata, è possibile che gli animali parlano e che attraverso una buona scelta un legno si possa trasformare in bacchetta. La scienza della fantasia è un saggio, ma non uno di quei saggi che prendono a schiaffi il lettore e vogliono a tutti i costi spiegandogli una qualche verità che ignora così, nero su bianco. L’autore qui ci porta per mano, spalancandoci nuovi mondi, ma soprattutto facendoci venire gli occhi lucidi di nostalgia spargendo qua e là incipit di libri, stralci e personaggi che tutti abbiamo amato. Pur spiegandoci le scabrose verità che si nascondono dietro tematiche ed episodi che ci avevano fatto sognare, ci lascia un po’ nel mondo della fantasia, non svelandoci proprio tutto e facendo contento anche il fanciullino che alberga in ognuno di noi.

Oltre al contenuto, interessante, avvincente e dalle note amarcord, un grande plauso va alla veste grafica. L’edizione è davvero magnifica: colori diversi per ogni tematica, illustrazioni fantastiche, ma soprattutto una costellazione di riquadri di approfondimento che integrano il corpo principale. Le pagine non sono però piene e corpose, ma nonostante riquadri, illustrazioni, disegnetti la pagina rimane ariosa per permettere all’occhio, oltre che alla mente di riempire in modo fantasioso il bianco del silenzio.


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤