Cerca

tararabundidee

"Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito. Perché la lettura è un'immortalità all'indietro."

Categoria

Racconti di lettura

La suora anarchica, A. Rabinad

Tra fiction e non fiction, tra fatti storici, scandalose invenzioni letterarie e profondi monologhi spirituali Antonio Rabinad con La suona anarchica (Edizioni Spartaco) ci porta nella sua Spagna a conoscere un momento drammatico filtrando il racconto attraverso un attore secondario e quasi involontario.

WhatsApp Image 2018-09-23 at 13.04.04 (1) (1).jpgNel 1936 Juana si trova catapultata in una realtà nuova e pericolosa e non si tratta di un viaggio fantastico spazio – temporale. Juana deve affrontare la Guerra Civile Spagnola (combattuta tra il 1936 e il 1939) proprio lei che spinta da una fede incrollabile entra in monastero e da lì verrà fatta uscire con la forza per sporcarsi le mani di sangue. La protagonista è docile, timida, buona e sembra imbambolata e passiva nei primi momenti che la vedono costretta a scappare dal luogo che pensava essere suo per sempre. Juana dovrà rinnegare il suo credo: non c’è posto per monache, ecclesiastici etc. nel mondo nuovo che le milizie vogliono costruire. Non c’è posto per i privilegi, quindi Juana deve cambiare vita. Dopo una prima rocambolesca fuga, è in un bordello a fingersi prostituta quando le Donne Libere la trovano.

Da remissiva e timorata suorina deve diventare forte e fedele alleata del nuovo ordine delle Donne Libere. Vediamo nel libro la crescita di Juana, la sua iniziale paura, i dubbi, il timore di fare qualcosa in cui non crede, ma soprattutto qualcosa che non aveva scelto. La lotta ai privilegi, l’uguaglianza totale, i compiti distribuiti, la guerra in sé, la funzione sempre più importante delle donne nella nuova Spagna, erano cose che Juana non aveva neanche mai immaginato. Lei che nella sua celletta voleva solamente concentrarsi, pregare e raggiungere asceticamente la vetta della spiritualità.

Inizialmente Juana è in balia di queste strane donne che impartiscono ordini, che segue con religiosa obbedienza per avere salva la pelle e per poter ritornare quanto prima al vero scopo della sua vita. Ben presto le parole diventano fatti e i modi in cui le Donne Libere si muovono e prendono parte alla guerra per assicurare un futuro alle donne, la catturano e la convincono. I cambiamenti del suo genere, l’emancipazione e la rassicurazione di un domani migliore per tutte le donne di Spagna si decideva lì e doveva farne parte.

La suona anarchica è un romanzo storico dal ritmo lento che dà una visione particolareggiata di un movimento, quello delle Donne Libere, a cui non si dà molto peso nelle narrazioni che riguardano la Guerra Civile Spagnola e che è stato invece importantissimo per le conquiste femminili non solo spagnole.


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Annunci

Il comunismo spiegato ai bambini capitalisti, G. Thomas

“Il comunismo è un’idea che appartiene agli esseri umani, più naturalmente e semplicemente del capitalismo.”

Per anni e anni  la scuola ci ha sempre fornito grosso modo la stessa visione della Storia. E se tutte le scuole offrono questo programma univoco e uguale, sarà quella la vera storia? Sì e no.

Non possiamo di certo dire che la Storia studiata nelle scuole sia una baggianata completa, ma possiamo certamente affermare che si tratta di una parte piccolissima del glorioso passato dell’homo sapiens sapiens attentamente selezionata. Selezionata da chi? Questo forse è il punto, ma noi sinceramente una risposta a questa domanda non ce l’abbiamo, possiamo però indicarvi uno scrittore che oggi si occupa di parlare in modo agile e semplice (con un linguaggio molto più comprensibile e sciolto di alcuni moderni sussidiari), di un altro pezzo di storia più o meno nascosta.

WhatsApp Image 2018-09-07 at 14.57.03 (1).jpegStiamo parlando di Gérard Thomas, autore svizzero, pubblicato in Italia da Edizioni Clichy e in particolare del suo Il comunismo spiegato ai bambini capitalisti e a tutti quelli che lo vogliono conoscere che abbiamo avuto il piacere di leggere. Suoi sono anche Cento motivi per essere di sinistra e L’anarchia è una cosa semplice. Ma torniamo al principale oggetto di questa recensione, Il comunismo spiegato ai bambini è un libro agile, sorprendentemente sintetico, ma comunque molto esaustivo.

La storia inizia come tutte le storie, dagli albori, dallo sviluppo dell’uomo in quanto tale e dalle prime civiltà iniziando a soffermarsi sui Sumeri ad esempio. I capitoli in cui è diviso, ovviamente disposti in ordine cronologico, si soffermano su personaggi o su avvenimenti storici non troppo conosciuti. L’autore non vuole in alcun modo fare un’apologia del comunismo, né si deve pensare dal titolo che stiamo parlando di un estremista che istituirebbe i Soviet domani. Si parla di una narrazione che vuole portare a conoscenza della maggioranza, fatti che molto spesso non vengono minimamente trattati nell’istruzione mainstream. Il target a cui si riferisce è infatti giovane, proprio per porre all’attenzione di chi studia in continuazione sempre gli stessi episodi, che c’è di più di quanto si pensi. L’aspetto più interessante del libro è che Thomas non difende in maniera assoluta tutti gli aspetti che si sono sviluppati dal comunismo, ne critica la violenza, il potere che alla fin fine si è comunque concentrato nelle mani di poche o singole persone, ma è anche deciso a sottolineare la positività di questo pensiero filosofico, politico e sociale.

marxI concetti sono chiari, semplici e spiegati benissimo: Thomas vuole solo far conoscere come il capitalismo ha strutturato ogni minima parte della nostra vita, eliminando e nascondendo le altre ideologie che potevano assicurarci una vita molto probabilmente più sana e felice per tutti. Questo è un libro semplice, anche molto generico, di certo non parla di chissà quali astrusi e complicati pensieri del comunismo, ma è proprio attraverso l’immediatezza e la semplicità con cui è scritto che assicura una piacevole lettura e una istantanea comprensione. Gerard Thomas non vuole in alcun modo farci cambiare idea, questo non è un libro di propaganda, è solo un libro di divulgazione. Quello che Thomas dice è che il comunismo ha sempre fatto parte dell’umanità e per questo la storia del comunismo è anche la nostra storia e non può essere dimenticata o riscritta.

In questo momento di intolleranza sociale, dove al posto di integrare e costruire si distrugge, dove al posto di condividere ci si separa e si semina paura e terrore invece che amore e tolleranza, sarebbe bene, al di là di ogni appiglio politico, tornare a sentimenti semplici che ci permettano di vivere bene, in armonia con noi stessi e con gli altri.

E ritornare alle origini, alle comunità, al volersi bene sinceramente, non è forse un po’ abbracciare anche il meglio di questa ideologia?


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Storie d’altre storie, G. Arpino

Giovanni Arpino nasce a Pola, in Istria il 27 gennaio 1927. La sua infanzia sarà segnata dalla presenza severa e rigida del padre Tommaso (militare di carriera) che lo farà iscrivere si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza di Torino. Arpino però passa a Lettere concludendo la sua brillante carriera accademica con una tesi sulla poesia di Serghej Esenin. L’esordio letterario si ha nel 1952 con “Sei stato felice, Giovanni” per la collana di Einaudi “Gettoni” dedicata agli scrittori emergenti. Nel ’53 trova impiego nella casa editrice Einaudi ed inizia l’attività di collaboratore giornalistico con “Il Mondo”. Nel 1955, dopo la nascita del figlio Tommaso, si dedica alle fiabe e filastrocche, pubblicando nel 1957 la raccolta di poesie “Il prezzo dell’oro” (Mondadori). Dopo una serie di titoli, arriva al successo con “L’ombra delle colline” Premio Strega del 1964. Dopo altre collaborazioni giornalistiche, anche in redazioni sportive, altri romanzi e la creazione della rivista Il Racconto, muore a Torino il 10 dicembre 1987.

WhatsApp Image 2018-08-23 at 15.57.24Storie d’altre Storie è una raccolta di racconti di Giovanni Arpino, edita da Lindau nel 2015, faceva parte di “Racconti di Vent’anni” del 1974. In questa raccolta si nota la passione primaria di Arpino: la lettura. Quello che l’autore propone in un centinaio di pagine è esattamente quello che noi cocciutissimi e instancabili lettori vogliamo. Quando un libro finisce, quando un romanzo si chiude, i suoi personaggi non svaniscono nel nulla; rimangono intrappolati nella nostra mente, che si arrovella e si sovrappone a quella dello scrittore che ha alimentato la nostra fantasia. Dopo tocca a noi. Un romanzo non finisce mai, come continuano le vite dei protagonisti? Si trasferiscono? Quando muoiono? Si sposano?

La curiosità dei lettori è sempre enorme e Giovanni Arpino in questo libretto la sfama o almeno ci prova. Con intelligenza e originalità fa proseguire le storie che conosciamo bene e che anche noi abbiamo provato a far decollare. Si inizia da Cappuccetto Rosso, passando poi per Tarzan, Frankenstein, Lolita, Falstaff, c’è spazio per Alice e per Faust e si conclude con Pinocchio. I racconti sono brevissimi, giusto il tempo di far sapere al lettore come stanno i suoi amici libreschi, che lavoro fanno, se sono in buona salute. Arpino dà dei dettagli che subito inquadrano il personaggio di cui narra il futuro letterario, lancia dei piccoli ami al lettore, poi ancora una volta è la sua fantasia a dover decidere un finale per loro. La bellezza di quest’opera è senza dubbio la scrittura di Arpino: mutevole, diremmo quasi liquida che si adatta alla storia e ai protagonisti di cui narra. Se per Cappuccetto Rosso e Pinocchio il linguaggio è semplice, monotono e pulito abbinato alle storie più infantili, quello riservato a Casanova è più prezioso ed ironico, quello di Tarzan è crudo, diretto, secco.

Il tratto in comune di questi personaggi famosissimi è però una nota di malinconia. Tutti i grandi eroi che ci hanno accompagnato nella nostra vita di lettori hanno cambiato vita. Il mondo moderno che non si fregia più di personaggi sani, umili e coraggiosi ha fatto sì che i nostri beniamini cadessero in disgrazia. Il lieto fine delle favole era quindi solo momentaneo, almeno per Arpino, che dà un quadro quasi crudele del nostro mondo facendolo passare per le vite dei personaggi che abbiamo amato. I racconti di Arpino sono però dei non finiti, delle istantanee e insinuano nel lettore il dubbio che ci potrebbe essere un’altra via d’uscita, anche per gli eroi in decadenza.

Tra tutte le storie che Arpino riprende, sicuramente quella che più ci ha colpito è L’ultimo Tarzan, che ci è sembrato anche il finale più alternativo di tutti. Insomma, il consiglio è quello di leggerlo anche per vedere se le vostre teorie sono le stesse dell’autore e per ricordarvi di non smettere mai di lavorare di fantasia.

STORIE D'ALTRE STORIE, G. ARPINO, 2015, LINDAU

Il peso del legno, A. Tarabbia

La curiosità verso le religioni e la religiosità ci hanno portati a questo libro. Abbiamo una profonda ammirazione verso chi nonostante i progressi e le conquiste fatte dall’uomo possiede una fede salda e incorruttibile verso qualcosa o qualcuno che non è visibile. La nostra posizione (che vi abbiamo spiegato qui) e le nostre opinioni hanno trovato fondamento nelle accattivanti pagine di Andrea Tarabbia. Nè il peso del legno attraverso affondi in opere letterarie filosofiche e artistiche che affrontano il tema della spiritualità e della passione della morte di Cristo, ci parla della percezione del simbolo della croce. Il libro fa parte della collana CroceVia di NN editore che si propone di spiegare e approfondire alcune delle parole fondamentali del nostro vocabolario come appunto la parola croce.

whatsapp-image-2018-08-17-at-13-50-23.jpegTarabbia manipola la narrazione evangelica, quella che tutti conosciamo e in particolare dalla passione alla resurrezione in modo originale ed interessante. Dà una vita e una dignità a personaggi che nei vangeli non hanno: immaginando per loro una storia ed anche un futuro. Fa questo con Simeone ad esempio, andando a completare, come lui stesso afferma il vangelo a livello narrativo; lo stesso trattamento viene riservato anche alla sorella di Lazzaro, a Ponzio Pilato e Giuda. Vecchi personaggi che hanno nuove storie, personaggi accomunati  dalla fortuna (o sfortuna?) di aver incontrato Cristo. Non è detto che questo incontro sia sempre una cosa positiva per non essere umano normale e mortale: incontrare Gesù non è come incontrare un amico. Lui si porta dietro la divinità, può e sa tutto, ma prima di ogni altra cosa è il simbolo del sacrificio, come la croce che si porta dietro e che fa pendere su uomini che forse non hanno la forza di portarla.

Attraverso questa serie di storie, mescolando la sua interpretazione con quella di grandi autori come Borges, Bulgakov, Camus, Weil e tanti altri; si delinea per il lettore una storia parallela a quella che conosce, una serie di ucronie che portano a finali alternativi, che hanno a centro il sacrificio del figlio di DIO. Tutti ci siamo chiesti il perché di un sacrificio così estremo: il tradimento, la profonda umiliazione per le strade di Gerusalemme e poi la sofferenza sulla croce, la morte più terribile riservata agli schiavi. Il vero Salvatore non poteva permettersi niente di meglio?

grunewald
Polittico di Matthias Grunewald

L’idea di un dio crocifisso doveva essere, agli occhi dei contemporanei di Cristo una bestemmia, una follia; il suo dolore, la sua vergogna sono inconcepibili, poiché contraddicono tutto ciò che gli uomini con il termine Dio si rappresentano, desiderano e da cui vorrebbero ricavare le proprie sicurezze. “ dice Tarabbia. La croce nella prima diffusione cristiana rappresenta sì il sacrificio, la redenzione e la nascita della chiesa, ma era anche un simbolo che i seguaci di altre religioni usavano per schernire i cristiani usando la croce per sottolineare non solo l’umiltà di Gesù, ma anche il fallimento di suo padre che non è riuscito a salvare il figlio. In alcune raffigurazioni del II-III secolo troviamo un uomo crocifisso con la testa d’asino simbolo dell’adorazione di una divinità umile.

Tra tutti gli episodi dal tradimento alla resurrezione sicuramente quello della passione è l’episodio di cui si è scritto maggiormente. Fin dalla prima diffusione del Cristo ci sono state correnti che ammettevano o meno la divinità di Cristo basandosi proprio sulla sofferenza della passione: Dio è davvero in grado di soffrire o chi ha sofferto sulla croce era solo un uomo? Fin dalla prima diffusione questa religione si muove in una marea di interpretazioni: modalismo, adozionismo, arianesimo e ancora oggi le interpretazioni sono tante e diverse. Il mistero di questa semi-divinità è estremamente affascinante e complesso. Tarabbia nel suo libro fa un excursus che mette insieme filosofia, teologia, narrativa, ed esperienza personale che ci fornisce una nuova lettura dei fatti. Oltre alla disamina di vari passi alla toccante esperienza di questo libro ci è rimasta la posizione dello scrittore rispetto alla fede; una posizione che abbracciamo completamente.

“Non riesco però ad accettare l’idea della fede perché, forse, essa implica una rinuncia: la rinuncia a capire, a sottomettere ogni cosa allo sforzo intellettuale della comprensione, della conoscenza e dell’esperienza. È un atto di umiltà, mentre l’idea stessa di voler comprendere ogni cosa è altezzosa. La conoscenza uccide la fede, il “Credo”, perché ne è la contraddizione: si crede in ciò che non si capisce, si ha fede in ciò che non si può arrivare a conoscere nella sua totalità. Altrimenti perché credere? Se si conosce si sa.”

L’umanità è complessa e il misterioso sentimento che è la fede lo è ancora di più. Per gli appassionati, per i credenti e non, questo libro è un ottimo agglomerato di approfondimenti, curiosità, ma anche di tantissimi spunti di lettura. Assolutamente consigliato.

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

bbblogo2018 (1)

 

Dirigibile di piombo

Hey hey mama said the way you move,
gon’ make you sweat, gon’ make you groove.

ledzeppelin.jpgEra il 7 luglio di 50 anni fa quando gli Yardbirds tengono il loro ultimo concerto al Luton Technical College. In quella data niente lasciava presagire che nel giro di pochissimo tempo le forze astrali si sarebbero unite e avrebbero fatto sì che nascesse uno dei gruppi più potenti e conosciuti della Terra.

Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones e John Boham suoneranno per la prima volta insieme l’8 agosto 1968. È da lì in poi come si suol dire, tutto il resto è storia. Storia raccontata in modo esemplare in Led Zeppelin dalla A alla Z di Richard Morton Jack edito da Tsunami Edizioni. L’autore è considerato uno dei massimi esperti inglesi della band ed ha stilato in questo volume, praticamente un’enciclopedia. Organizzato in ordine alfabetico, il libro non tralascia particolari, ci parla di tutto: dai roadie assunti a tutte le location in cui i Led Zeppelin si sono esibiti, gli amici, i parenti, le groupies, i gruppi che ascoltavano, quelli che hanno aperto i concerti e ovviamente grandi sezioni dedicate alle canzoni, agli album e ai quattro protagonisti. È un libro da consultazione, ma che permette un’agile e scorrevole lettura sia per chi è appena salito sul dirigibile sia per chi invece è un super appassionato. È difficile infatti rimanere delusi dalle tante ed approfondite voci di questo libro, ne uscirete con la percezione che neanche i Led Zeppelin stessi sapessero le cose che avete scoperto voi.

I sure do wish I was at home.

ledzeppelin3I primi di luglio non hanno però solamente suggellato la nascita della band, c’è anche un altro anniversario che si aggira in questi giorni, meno gioioso ma che ci riguarda più da vicino.

Era il 5 luglio 1971 quando Radaelli per la data finale del Cantagiro (seguitissimo festival itinerante della musica italiana) aveva inserito nel tabellone, oltre ai big italiani come Morandi, Milva, Dalla, New Trolls… i Led Zeppelin. Radaelli aveva osato il tutto per tutto, portando per la prima volta in Italia il gruppo che stava facendo impazzire tutto il mondo. Il luogo del concerto era il Velodromo Vigorelli a Milano. Sarebbe potuto essere un concerto indimenticabile, la chiusura ideale del programma del Cantagiro, con il Velodromo a fare da sfondo ad un magico idillio dove le famiglie e la tradizione incontravano i gusti particolari dei giovanissimi, uniti dall’amore per la musica e dalla voglia di ascoltare i propri beniamini, ma non andò proprio così.

A raccontarcelo in un libro ricco di interviste e testimonianze, a metà tra saggistica e romanzo è Giovanni Rossi autore di Led Zeppelin ’71 – La notte del Vigorelli edito da Tsunami Edizioni.

Sullo sfondo del maxi evento del ’71, l’Italia non era proprio un locus amoenus. Erano gli anni di piombo, gli anni delle contestazioni studentesche, delle ribellione. Ci sono le molotov, gli stalin e la soffocante onnipresenza della polizia. C’è un clima pesante e particolare: “le crisi di rigetto alle convenzioni sociali avevano iniziato a creare potenti anticorpi che si proponevano con sempre maggior vigore a diverse latitudini, per sostenere istanze in radicale discontinuità con la morale comune.” queste spinte contestatrici portano i giovani a dividersi in “marxsisti, leninisti, maoisti, trotzkisti, filocinesi e passano le giornate, invece di suonare e fare l’amore, nei sottoscala a ciclostilare volantini e organizzare manifestazioni contro il capitalismo imperante in Italia.” 

Bright light almost blindin’,
Black night still there shinin’,
I can’t stop, keep on climbin’
Lookin’ for what I knew.

ledzeppelin2È in questo clima di ribellione, in questo rigurgito contro le convenzioni e contro chi è al potere che s’inserisce anche la musica. E quella dei Led Zeppelin è una musica potente, solleva e fa viaggiare. Attraverso la sua energia, la sua componente innovativa alza gli animi portandoli lontano, allontanandoli un po’ dalle brutture della vita reale. Però a un certo punto la musica finisce, mentre quello che succede nella vita vera no. È un po’ quello che successe al Vigorelli, quella sera: la magia e la potenza di uno dei gruppi più famosi ed entusiasmanti di sempre, è riuscita solo per pochissimo a compiere il miracolo, prima che la realtà prendesse prepotentemente il sopravvento, irrompendo nel Velodromo, seminando il panico, offuscando menti e rendendo gli occhi rossi.

Il fumo pare essere una delle uniche certezze di quella sera, insieme al pubblico indisciplinato. Il grande problema è che quella sera c’erano troppi giovani. Troppe menti pensanti, che poi ascoltavano questo gruppo di indemoniati capelloni, che facevano una musica così diversa da quella che si ascoltava in Italia. Questo bastò per far iniziare la serata sul piede di guerra, con forze dell’ordine a profusione che resero quello che poteva essere un potente, indimenticabile momento, in fumo.

ledzeppelin1Led Zeppelin ’71 ha il pregio di calare il lettore nell’ambiente che racconta. Il lettore deve anche mettersi in gioco, continuamente. Deve capire da che parte stare, perché le voci che interrompono e arricchiscono la narrazione sono tante e molto diverse tra loro. Definire questo, come un libro dedicato ai Led Zeppelin sarebbe fortemente riduttivo, è dedicato anche a loro, ma è soprattutto un quadro accurato, onesto e veramente interessante di quella che era la cultura e l’ambiente italiano alla vigilia del concerto.

Il “problema” di questo libro scritto nel 2014, con una narrazione ambientata tra il 1962 e il 1971, mi ha fatto pensare in troppi casi, che si trattasse del 2018.

Thinking how it used to be does she still remember times like these?


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Famiglie Ombra, Mia Alvar

I racconti non ci entusiasmano moltissimo, sapete quanto amiamo le descrizioni particolareggiate, i dettagli più intimi di ogni personaggio, una caratterizzazione perfetta e nei racconti per tutto questo surplus narrativo, non sempre c’è spazio. Ma quando il BBB chiama Tararabundidee risponde e se la casa editrice è Racconti, racconti siano.

Famiglie ombra è uno dei libri più belli che abbiamo letto quest’anno. Ci è stato consigliato proprio perché i suoi racconti sono abbastanza lunghi, legati da una cornice narrativa forte, insomma si avvicina ad un romanzo, ma non è bello solo per questo motivo. La scrittrice ci porta nelle Filippine, o meglio ci porta a conoscere un pezzo della cultura filippina, dei suoi attori e dei suoi migranti sparsi tra il Medio Oriente e gli Usa. Le storie che racconta l’autrice sono così reali e i suoi personaggi così ben costruiti che diventano tangibili. C’è tanta intimità in questa raccolta, ogni protagonista si spoglia davanti al lettore mettendo a nudo le sue paure, i suoi rimorsi, i suoi rimpianti e l’autrice sembra quasi scomparire dietro di essi. La scrittura è asciutta, diretta, ma pare cambiare adattata alle forme e alle personalità di chi racconta, in modo che ad ogni racconto oltre a corrispondere una nuova voce corrisponde anche una nuova penna.

20180605_180153 (1).jpgI racconti che più ci hanno colpiti sono Kontrabida e La donna dei miracoli, due storie preziose e potenti di riscatto e rassegnazione, quasi agli antipodi. Ma in ogni racconto la tensione narrativa è alta, i personaggi ti conquistano e ti accompagnano fino ad un’epifania con cui poi conclude la narrazione. La cosa che più ci è piaciuta di questo libro sono sicuramente i suoi protagonisti o per meglio dire le sue protagoniste. Donne forti, che non si fermano davanti a nulla, con una volontà fenomenale, studiose, ma anche fragili, dolci: l’autrice attraverso queste donne riesce perfettamente a riportare varietà e complessità, restituendo le mille sfaccettature di cui sono fatti gli esseri umani.

Non ci si sofferma mai troppo, neanche in questo periodo, sulle cause che spingono le persone ad allontanarsi da casa. Quello che accomuna i personaggi della Alvar è la loro voglia di migliorarsi, di migliorare le condizioni in cui vivono, di aumentare il benessere e provvedere alle proprie famiglie. Non crediamo debbano essere motivi di cui preoccuparsi, né c’è bisogno di vedere dietro a spostamenti dietrologie ridicole. Tutti abbiamo diritto ad una vita dignitosa, alla migliore vita possibile ed è giusto perseguire questo diritto, senza fermarsi davanti a nessuna frontiera, nessun limite o confine. I personaggi di Famiglie Ombra sono assolutamente umani: non lasciamo la possibilità di riscatto relegata nelle pagine di un libro. Che la letteratura ci aiuti sempre a conoscere, capire ed affrontare il mondo che ci circonda.

Lasciate tutto come si trova, scendete in strada, sorridete, andate in libreria e comprate Famiglie Ombra. Poi vi mettete comodi e vi fate catturare dalla splendida scrittura di Mia Alvar e dalle sue meravigliose storie.


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

bbblogo2018 (1)

Blog su WordPress.com.

Su ↑