Ricerca

tararabundidee

"Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito. Perché la lettura è un'immortalità all'indietro."

Tag

maternità

Pensiero Madre, a cura di Federica De Paolis.

In Pensiero madre, edito da Neo Edizioni, sono raccolti racconti di autrici italiane e non, da Veronica Raimo a Chiara Valerio, da Carla D’Alessio a Silvia Cossu. Sono racconti che non solo si soffermano sulla maternità e sull’essere madri oggi, ma anche sull’essere donna. Pensiero Madre attraverso i suoi racconti più o meno autobiografici, presenta un quadro con voci di donne diverse, cercando innanzitutto di abbattere lo stereotipo n° 1: la donna tipo non esiste.

Pensiero-madre.jpgAlcuni racconti parlano di una maternità desiderata molto, di una lotta contro il tempo, contro la biologia, ma anche contro la società che ancora bolla le donne che non vedono nella maternità il fine ultimo della vita, come persone quasi non del tutto formate, come se il non voler mettere al mondo un figlio possa essere un handicap. Alcune donne si sentono messe alle strette, vedendo allora la maternità non come un desiderio, ma come un obbligo. Il racconto di Taiye Selasi parla proprio di quanto la società insista sulla condizione della donna madre/moglie attraverso programmi, articoli, riviste che pressano le donne single e non madri. Un figlio e prima una gravidanza cambiano tutto: i rapporti, il tempo, le abitudini e non tutte le donne sono pronte a questo stravolgimento, non tutte lo vogliono e questo non implica essere meno donna delle altre.

In Pensiero Madre si fa leva anche sull’essere figlie, Chiara Valerio nel suo racconto, dopo uno spauracchio, è e rimane figlia e si trova a riflettere sulle madri partendo dalla sua. “Tutte le ore sono delle madri. Essere madre è come avere tutto il tempo.” Essere madre è preoccuparsi sempre, fare e dare il meglio, avere tempo da dedicare. Passare da figlia a madre non è facile e lo dice anche Camilla Costanzo nella sua lettera ad una madre presente, che fa sempre la cosa giusta e di cui ha bisogno, da quando sente il desiderio di creare un’altra vita.

È ovvio che si parli anche di gravidanze inaspettate, prese bene o anche male. Uno dei racconti che ho trovato più fresco e completo è quello di Cinzia Bonnol che in pochissime pagine riesce a parlare di aborto, maternità, religione, etica, differenze razziali e anche di quanto l’atac possa essere una piaga. Una delle protagoniste di questo racconto non ha detto a nessuno di voler abortire, perchè pur sapendo di non andare contro nessuna legge ha paura del giudizio degli altri. Questa paura del giudizio non fa altro che sottolineare quanto sia difficile essere donna anche nella società moderna, che sembrerebbe pronta ad eliminare pregiudizi, stereotipi e malelingue, ma è ancora lontanissima dal farlo. Pensiero Madre è una lettura che le donne dovrebbero fare: aiuta a riflettere e testimonia le storie di chi, fregandosene del giudizio degli altri, ha imposto il suo modo di essere donna ed è magnificamente in piedi.

Né la maternità, né l’aborto, né la sterilità dovrebbe essere un metro di giudizio per farsi un’opinione. La società non può e non deve entrare nelle scelte personali. Essere donna può significare essere realizzata, madre, single, figlia, essere una donna significa quello che una donna vuole essere e grazie a Pensiero Madre, ogni donna potrebbe prendere più consapevolezza di questo.


Il link rimanda alla pagina del prodotto su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Quello che è successo a Joana, V. Romao.

Quello che è successo a Joana è una tragedia. Joana è una donna con una grande voglia di maternità, ha programmato tutto: seguito corsi, letto libri, cercando in ogni modo di arrivare preparata al momento del parto, ma il miracolo della vita non si compie secondo regole prestabilite e per stringere tra le braccia il suo Francisco, Joana dovrà compiere il travaglio più intenso.

WP_20170727_19_18_59_Pro.jpgIl lettore, pervaso d’ansia, segue tutta l’attesa dal fatidico momento di rottura delle acque al parto. Respira un odore salmastro mentre un’orchestra di gemiti ed urla lo intrattiene. Si trova in una camera piena di donne che stanno per provare insieme il dolore e la gioia più grande della loro vita, contornate da medici ed infermiere insensibili e dagli occhi attenti di Joana che le guarda cercando di essere utile per loro o più probabilmente cercando di distrarsi dal suo destino, visto che nel suo futuro c’è solo dolore.

Non sapiamo sinceramente come un uomo, Valerio Romao poeta e scrittore portoghese, che già in Autismo aveva affrontato temi scottanti, sia riuscito a descrivere così bene e a trasportare il lettore nel mondo delirante di una madre che sta per partorire. La crudeltà della storia narrata conquista il lettore che si trova impreparato ad accogliere la fragilità della protagonista. Il lettore vorrebbe consolarla, accarezzarla, prendersi un po’ del doloroso peso che si porta dietro, ma no può, può solo assisterla da lontano.

preg

Oltre che con una storia cruda ed agghiacciante il lettore deve misurarsi con uno stile molto particolare. Il periodare è complesso, le frasi sono immense e contorte come i pensieri che si mischiano tra i fragili nervi di Joana, il linguaggio è fortemente descrittivo, prezioso e opulento. La punteggiatura è ridotta al minimo, Romao usa solamente punti e virgole, nessun altro segno d’interpunzione, neanche per introdurre il discorso diretto. Questa decisione stilistica fa sì che il lettore riesca ad entrare ancora di più nello stato di confusione in cui si trova Joana. La narrazione sembrerebbe un continuo flusso di coscienza anche se non rispetta i canoni tradizionali dello stream of cosciusness, le frasi come abbiamo già detto sono molto articolate, non ci sono repentini cambi di registro o salti da un argomento all’altro, non ci sono flashback, inesattezze cronologiche, ma comunque sembra essere di fronte allo sbobinamento dei pensieri ordinatissimi di Joana.

Caravan edizioni ha il grande merito di aver portato questo libro così forte in Italia. Un libro che colpisce il lettore al cuore, lo addolora terribilmente, un concentrato di ansia e sgomento che vi resterà dentro per molto tempo.

 

craturi

Il link rimanda alla pagina del prodotto su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Questo articolo è stato scritto per l’Indie Book Blogger Blabbering Cafè!

15965773_933377773460289_4311912931644540590_n

Blog su WordPress.com.

Su ↑