Cerca

tararabundidee

"Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito. Perché la lettura è un'immortalità all'indietro."

Categoria

Book Tag

NETFLIX BOOK TAG!

Book Tag Febbraio

Ciao carissimi e carissime! Dopo una caterva di studio per degli esami terribili speriamo di aver smesso di trascurare questo nostro bellissimo spazio! In questi giorni ci avete scritto per sostenerci e per dirci quanto vi piace leggerci e noi siamo super contenti! In effetti ci è dispiaciuto molto aver tralasciato sia le letture sia voi lettori, però ora siamo qui e ci facciamo perdonare con un book tag che mette insieme i libri e le serie tv, cioè le nostre droghe. Come sempre noi non vediamo l’ora di conoscere le vostre risposte, quindi ci sentiamo nei commenti!

20170916_1256581. Recently watched: il libro che hai appena finito di leggere: L’ultimo libro che abbiamo letto è Atlante leggendario delle strade d’Islanda, ormai ere fa. Stiamo invece leggendo a piccolissimi passi Gargantua e Pantagruele e ci sta divertendo tantissimo! La nuova edizione è edita da Gorilla Sapiens Edizioni, l’avete ascoltata la nostra intervista a questa splendida casa editrice vero? Se non l’avete fatto la trovate qui.

2. Top picks: un libro che ti è stato consigliato in base ai tuoi gusti letterari: Un libro che ci è stato consigliato è La sposa normanna di Carla Maria Russo, complice ovviamente la nostra immensa passione per i romanzi storici. Il libro ce l’abbiamo e giace insieme ad una marea di altri colleghi sullo scaffale dei libri di prossima lettura.

16715.jpg3. Recently addedd: il tuo acquisto libresco più recente: non possiamo parlarne al singolare, perché in realtà… sarebbero tre! Umberto Eco e il Pci. Arte, cultura di massa e strutturalismo in un saggio dimenticato del 1963 di Claudio e Giandomenico Crapris per rimanere nella leggerezza, Men and Cartoons di Leethem che mi incuriosisce tantissimo, perché parla di supereroi in modo un po’ diverso dal solito. L’ultimo libro è un altro di non fiction, un saggio che ho voluto appena l’ho visto sul profilo ig della mia libraia, è Questo è il mio sangue. Manifesto contro il tabú delle mestruazioni della Thiebaut che non vediamo l’ora di leggere.

4. Popular on Netflix: due libri che tutti conoscono. Uno che hai letto, uno che non hai letto: ehm popolari… in genere non leggiamo cose troppo mainstream, vale zerocalcare? Abbiamo letto recentemente Macerie Prime, poi altri libri popolari potrebbero essere quelli della Ferrante, di cui abbiamo letto la quadrilogia dell’amica geniale, di cui vi abbiamo parlato qui e qui. Per quanto riguarda i popolar che invece non abbiamo letto, ora sta andando tantissimo 4321 di Paul Aster che non abbiamo neanche comprato e in generale siamo un po’ lontani dalla letteratura americana, abbiamo letto pochissimo anche di Philip Roth, ma questo voi lo sapete già.

5. Comedies: un libro divertente: per i libri divertenti vi devo rimandare di nuovo a Gorilla Sapiens Edizioni, in particolare il loro ultimo libro ironico e irriverente è L’interpretazione dei sogni di Freud Astaire di A. Zabaglio o A. Coffami! Che vi consigliamo assolutamente.

6: Dramas: il/la drama king/queen di un libro che hai letto: allora, ora scomodiamo un grande libro, un bel classico che abbiamo letto tempo fa. Si tratta di Villette di Charlotte Bronte e della sua protagonista, Lucy che veramente ne passa di cotte e di crude ed è un po’ una drama queen. Un personaggio di enorme mestizia e tristezza, ecco. Le ragioni per essere così malinconica ce le ha, però dai Lucy, ritrova la speranza, siamo con te!

7: Animation: un libro con dei cartoni in copertina: pesco ancora qualche titolo dallo scaffale delle prossime letture e vi dico Non siamo che alberi. Saggio alla scoperta del bosco degli uomini altro libro di non fiction che analizza il rapporto tra uomini e natura, corredato da fotografie alla fine del volume. Come avete capito ci stiamo dando dentro con la non fiction, quindi le prossime recensioni saranno principalmente su questi massimi sistemi.

75d3990b8ee975a10169fede97a122f4.jpg8. Watch it again: un libro o una serie che desideri rileggere: ritorniamo alla cara Charlotte, perché non molto tempo fa presi da non so che cosa, volevamo rileggere Jane Eyre, poi volevamo rileggere Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, ma non abbiamo riletto proprio niente. Questo è il grande problema di avere librerie dislocate a 274 km di distanza, non possiamo accarezzare e rileggere i nostri libri preferiti, quindi inevitabilmente ne accumuliamo di nuovi.

9. Documentaries: Un libro non-fiction che consiglieresti a chiunque: vi abbiamo già nominato tanti libri di non fiction, ma uno che ci piace tanto tanto tanto, è Sei passeggiate nei boschi narrativi, un bellissimo saggio sulla letteratura di Umberto Eco. Non ci dite che siete sorpresi! Siamo arrivati al 9 quesito senza consigliarvi nulla di suo.

10. Action and adventure: un libro pieno di avventura: un libro abbastanza avventuroso, con vari colpi di scena e peripezie è sicuramente Un lungo cammino di Daveti , Palloni, Rossi. Un fumetto che ci è piaciuto veramente tantissimo e che vi consigliamo. I disegni sono stupendi e la storia è una distopia che sembra fin troppo vicina.

11. New releases: un libro appena uscito (o che uscirà a breve!) che non vedi l’ora di leggere: a marzo uscirà Kids with guns di Capitan Artiglio, per Bao Publishing. Noi adoriamo il suo stile e poi ci sono dinosauri, colori sgargianti e… ci aspettiamo tantissimo da questo fumetto! Non vediamo l’ora di metterlo sullo scaffale delle prossime letture.


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Annunci

Musica e libri Book Tag!

Inauguriamo il 2018 con il primo book tag dell’anno. Come sapete (e se non lo sapete perché siete nuovi da queste parti passate qui) siamo soliti abbinare le nostre letture a canzoni, quindi questo tag che abbiamo “rubato” dalla carissima Ileana di Oh ma che ansia ci sembrava perfetto per noi, grosso modo i nostri gusti musicali che virano dal rock alla musica classica, li dovreste aver capiti, ma con questo tag, vi sarà forse tutto più chiaro. Come al solito vi tagghiamo tutti ed aspettiamo le vostre risposte alle 8 particolari domande che seguono, buona lettura!

#1. LIBRO PREFERITO DOVE SONO COINVOLTI ELEMENTI MUSICALI: iniziamo con un libro di cui vi abbiamo parlato molto, un gioiello di narrativa e disegni in cui vengono usate canzoni marinaresche: Il porto proibito di Teresa Radice e Stefano Turconi. Un fumetto emozionante, delicato, con tanti riferimenti non solo musicali, ma anche letterari in cui potrete rifugiarvi per sfuggire al caos e alle ansie che porta con sé il primo periodo del nuovo anno, rilassatevi e viaggiate con gli occhi e col cuore insieme a Rebecca e Abel.

#2. PERSONAGGIO PREFERITO CHE HA A CHE FARE CON LA MUSICA: potremmo dirvi un po’ di nomi, come ad esempio Il Leone di Napoli, il cantante lirico protagonista de L’uomo sentimentale di J. Marias, romanzo in cui attraverso uno stile ed una costruzione narrativa un po’ fuori dagli schemi, si parla del tenore e di un triangolo amoroso che si verrà a formare quasi per caso; potremmo parlarvi di Dylan Dog e del suo sodalizio con il clarinetto e a questo proposito vi consigliamo il numero tutto musicale 235, Sonata macabra, ma il personaggio che ha a che fare con la musica che ricordiamo con più piacere è la dolcissima e sensibile Beth. Stiamo parlando dell’intramontabile Piccole donne di L. May Alcott che ha creato un personaggio praticamente adorabile, Elizabeth March è una grande appassionata di musica e suona il pianoforte con costanza e devozione. Anche se forse la maggior parte dei lettori associa Beth con il primo, o uno dei primi traumi letterari che, in questa sede la ricordiamo per la sua immensa passione.

#3. UN ALBUM CHE VORRESTI FOSSE TRASFORMATO IN UN LIBRO: uno dei miei s4295661artisti preferiti, cioè Gordon Matthew Thomas Sumner, per gli amichetti Sting, nel 2009 ha composto l’album (secondo me stupendo) If On A Winters Night, il titolo vi ricorda qualcosa? Il nostro amico lo ha infatti ripreso da Se una notte d’inverno un viaggiatore di Calvino e contiene sia tracce inedite, sia canzoni tradizionali inglesi, basche, tedesche. Dietro questo album, c’è una grandissima ricerca, oltre al ripristino di alcuni canti della tradizione, Sting ha infatti ripreso alcuni testi di autori importantissimi, come Stevenson (Christmas at sea, una delle mie tracce preferite), Blake (Blake’s cradle song) o ha creato un testo per musiche già esistenti, come per You only cross my mind in winter sulla musica di Bach. Ora, se questo album ricco di letteratura, ricerca e tradizione diventasse un libro, secondo me sarebbe stupendo, per ripercorrere costumi, tradizioni, suoni di tempi lontani, legati da un unico filo: l’inverno.

#4. SCEGLIERE IL NOME DELLA VOSTRA BAND USANDO IL TITOLO DI UN WhatsApp Image 2017-09-18 at 14.02.18LIBRO: dopo un’intensa consultazione tra me e l’avvocato, siamo arrivati ad una scelta, la nostra band si chiamerà Mooned come lo splendido fumetto di Lorenzo Palloni, ma anche per omaggiare uno i Pink Floyd, che quando si parla di lune c’entrano sempre.

#5. SCEGLI IL TITOLO DI UN ALBUM USANDO IL TITOLO DI UN LIBRO: un po’ di magia, un po’ di sperimentazione, la voglia di superarsi già guardando ad un flop; il primo album di Mooned sarà Faust (Goethe), che non deve spaventarvi. È un libro particolare, sicuramente pesantuccio in alcuni punti, ma è geniale, strambo ed anche se può sembrarvi strano, riesce anche ad essere divertente, non lo temete!

#6. SCEGLI LA COPERTINA DELL’ALBUM USANDO LA COPERTINA DI UN LIBRO: guardatela e basta.

la-copertina-di-unastoria-di-gipi.jpg

#7 CREA LA TRACKLIST DELL’ALBUM USANDO TITOLI DI LIBRI: allora, facciamo una tracklist di sei canzoni/libri (di cui vi linkiamo le recensioni, che se ci mettiamo a parlare di ognuno, scriviamo la Divina Commedia II) per Faust e saranno:

  1. Macumba (di Mattia Iacono)
  2. Risposta multipla (di Alejandro Zambra)
  3. Crocevia (di Mario Vargas Llosa)
  4. Storia del nuovo cognome (di Elena Ferrante)
  5. Pensi che ci saremmo potuti conoscere in un bar? (AA. VV.)
  6. Frantumi (di Giovanni Masi e Rita Petruccioli)

#8 CREA LA BAND USANDO PERSONAGGI LETTERARI: la nostra super band Mooned sarà così formata: Andrea Sperelli (protagonista de Il piacere di D’Annunzio), che altro non può essere che il frontman; Ron Granger (Harry Potter) che è il più malinconico del gruppo, farà ovviamente il bassista; Serva Maria (protagonista de Dell’amore e di altri demoni di Marquez) darà sfogo a tutto il suo estro suonando le chitarre; ultima alle percussioni, il Bonzo dei Mooned sarà la Juric (personaggio di Orfani, serie della Bonelli).

Stiamo ancora ridendo per le scelte di musicisti e tracklist, ora siamo curiosissimi di vedere come si compongono le vostre band letterarie, scervellatevi e poi scriveteci le vostre soluzioni che così facciamo il Festivalbar delle band improbabili!


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

 

The End of the Year Book Tag!

Salve a tutti! Ultimo book tag dell’anno, siamo al 1° giorno dell’ultimo mese dell’anno e noi ci troviamo a fare un po’ il punto della situazione delle letture del 2017. Fino ad ora abbiamo letto più di 120 titoli, tra libri e fumetti ed anche se novembre non è stato un ottimo mese per la lettura (gli impegni ci hanno un po’ “accoppati”), siamo pronti per l’ultimo sprint nelle vacanze natalizie!

Aspettiamo le vostre notizie sulle letture di quest’anno e come sempre, vi invitiamo tutti a rispondere a questo tag, che abbiamo visto sul canale Youtube di Valeria: Read Vlog Repeat. Bene cari, buon tag!

1. C’è qualche libro che hai cominciato quest’anno che vorresti finire? Come alcuni di voi sapranno, noi leggiamo un libro alla volta, in genere non abbiamo libri in sospeso, ma quest’anno abbiamo iniziato un fumetto a cui abbiamo capito di dover dedicare più tempo, rimandando così la lettura. Speriamo quindi che per la fine del 2017, troviamo la giusta concentrazione per leggere Diario di un fantasma di Nicolas De Crecy, edito da Eris Edizioni. È un libro importante, perché l’autore stesso vi entra, parlando di creazione artistica, dell’essere autore, insomma il diario artistico di uno dei più particolari fumettisti del nostro tempo.

tumblr_o2v6o9ajlR1tc7q5fo1_500.png2. C’è un libro autunnale che ti aiuti a transitare verso la fine dell’anno? Stiamo leggendo un libro che c’entra molto con il freddo, che quindi ci sta facendo respirare quell’aria gelida che qui a Roma si sente poco, ma che ci aspetta quando torneremo sull’Appennino. È Atlante leggendario delle strade d’Islanda edito da Iperborea, che attraverso la statale 1, ripercorre varie leggende islandesi. Sono brevissimi racconti di folletti, elfi, streghe di cui vi parleremo prestissimo in maniera approfondita. Più in generale invece verso la fine dell’anno ci ha sempre accompagnati Umberto Eco, con nuove letture o riletture e crediamo che anche quest’anno, qualcosa di suo ci accompagnerà nel transito tra 2017 e 2018.

3. C’è una nuova uscita che stai ancora aspettando? Abbiamo aspettato molto l’uscita di Gargantua e Pantagruele di Rabelais, nella nuova edizione illustrata di Gorilla Sapiens Edizioni e finalmente, tra qualche giorno a Più libri più liberi, sarà nostra (almeno il primo volume)! In realtà stiamo aspettando anche l’uscita in italiano del nuovo libro di Lisa See, ma che forse non avremo prima del 2018. Il titolo in inglese è The Tea Girl of Hummingbird Lane e visto che non leggiamo in inglese da un po’, potremmo forse azzardarci nella lettura in lingua.

23722486_889114954584179_975652228223314035_n.jpg4. Quali sono tre libri che vuoi leggere prima della fine dell’anno? Visto che non abbiamo completato le letture della tbr di novembre vorremmo innanzitutto finire quelle, poi magari leggere Eroi & meraviglie del Medioevo perché abbiamo proprio voglia di tediarvi con un super articolo tematico di consigli di lettura e questo è imprescindibile! Ci sono poi almeno due graphic novel che dobbiamo leggere assolutamente, entrambe edite da Coconino Press: Stupor mundi di Nejib su cui ci manteniamo ancora in ambito medievale, siamo infatti alla corte del sommo Federico II e Il cacciatore Gracco di Martoz, rimanendo sempre indietro nel tempo, si rifà ad un racconto di Kafka.

5. C’è ancora un libro che potrebbe sorprenderti e diventare il tuo preferito dell’anno? Pur essendo scettici a riguardo crediamo, anzi speriamo che sia possibile! Non è che leggiamo per accumulare pagine, per comprare più libri, ma proprio perché vogliamo essere sorpresi, intrattenuti, interessati dalle storie, dalle voci. Semmai dovesse capitare sarete i primi a saperlo, in realtà non abbiamo ancora incoronato il libro preferito dell’anno, ma anche questo lo saprete a breve!

6. Hai già cominciato a fare piani libreschi per il 2018? Questo è ovvio. Siamo dei super precisini fissati con l’organizzazione e quindi è ovvio che i piani sono fatti. Sappiamo gli argomenti dei prossimi post che vedrete sul blog, delle prossime puntate in radio (radiosonar.net), quindi è ovvio che sappiamo cosa leggere e beh… leggeremo i novelli acquisti di Più libri più liberi, quindi date un’occhiatina su instagram nei giorni della fiera, per saperne di più!

Bene, il prossimo book tag sarà nel 2018! A livello libroso, non possiamo assolutamente lamentarci del 2017, ho anche avuto il tempo di laurearmi quindi! Però insomma, per altri motivi speriamo finisca prestissimo e siamo pronti per un nuovo anno. Comunque carissimi fateci sapere le vostre 6 risposte, che siamo curiosi!


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Viaggiare con i libri, Book Tag!

Nuovo mese, nuovo book tag, stavolta preso fresco fresco dal canale youtube di Ilenia Zodiaco, come sempre invitiamo tutti a rispondere a queste domande che non sono proprio facilissime. Speriamo di portarvi in viaggio tra pagine e luoghi nuovi o almeno di divertirvi per due minuti! Bando alle ciance, iniziamo:

Un libro ambientato in un luogo che non hai ancora visitato ma che ti piacerebbe visitare.

islanda

tumblr_ox2hnklb6u1s3xy1oo1_540Vi serviamo subito una banalità, ma scusate c’è davvero qualcuno che non vorrebbe visitare l’Islanda? E che non la vorrebbe visitare dopo aver letto Atlante leggendario delle strade d’Islanda? Noi siamo estremamente affascinati dalla Scandinavia a livello storico, naturalistico e infatti vorremmo recuperare tanti, tanti Iperborea per leggere di più di queste terre splendide.
Altro luogo che ci piacerebbe visitare è la Cina, scoperta a livello letterario grazie ai romanzi di Lisa See, che anche se ambientati in epoche lontane dalla nostra (ad esempio Fiore di Neve e il ventaglio segreto nella Cina imperiale, Le perle del drago verde nella Cina di Mao), raccontano una Cina estremamente reale ed autentica e pur non parlandone bene, il paese che la See rappresenta è tutto meno che idilliaco, è un posto che ci piacerebbe molto scoprire!

Un libro ambientato in un luogo che non hai visitato e dove non ti piacerebbe andare.

Proprio non ci piacerebbe andare nella provincia americana in cui sono ambientati i racconti di Mary Miller in Happy Hour, lo scenario è scarno, degradante, diciamo che la nostra provincia ci va più che bene. Un’altra zona che non ci piacerebbe proprio visitare è la Colombia, l’abbiamo letta nei libri di Gabriel Garcia Marquez, in particolare in Dell’amore e di altri demoni e abbiamo avuto durante la lettura la sensazione di sporco, appiccicoso, umido e non abbiamo avuto proprio il desiderio di salpare nel sudiciume!

Una meta che hai visitato e di cui vorresti leggere qualcosa.

Abbiamo sempre visitato posti a cui la letteratura ha fatto onore in realtà, ma se ci piacerebbe leggere qualcosa su un posto che è stato tralasciato dagli scrittori, sarebbe casa. Non proprio l’edificio rosso in cui abitiamo, ma ci piacerebbe leggere qualcosa ambientato nell’entroterra Campano o nell’entroterra dell’Italia Meridionale in generale. Sì c’è Cristo si è fermato a Eboli , ma le cose sono leggermente cambiate da quando Carlo Levi ha scritto il suo libro, pochino eh, non v’immaginate chissà quali rivoluzioni!

Un posto che hai visitato perché ti eri lasciata affascinare da un libro che avevi letto, ambientato in quel luogo, ma ne sei rimasta delusa.

Nessuno dei posti che abbiamo visitato ci ha deluso, anzi, siamo sempre tornati soddisfatti dai nostri viaggi, quindi non c’è nessun libro che ha reso le nostre aspettative altissime. Chissà se quando andremo in Russia, tutte le aspettative dei libri di cui vi abbiamo parlato qui verranno soddisfatte!

Vai al mare che libro ti porti? E in montagna? E in città?

tumblr_ox399n8Iah1s4oj39o1_540Allora, non abbiamo un genere fisso, in questo caso contano più… le dimensioni! Al mare non ci andiamo poi così spesso, però prediligiamo libri brevi, piccoli, forse più fumetti (da edicola) che così li compriamo direttamente lì e neanche li dobbiamo portare in valigia, si leggono in poco tempo, sono leggeri, funzionali per il mare!
In montagna ci viviamo le vacanze e prediligiamo i mattonazzi, per dirvi, l’ultima volta che ci siamo stati per un po’ di tempo abbiamo letto: Blankets (Craig Thompson), Eccomi (Safran Foer) e Il labirinto degli spiriti (Zafon); chissà magari quest’anno leggeremo Anna Karenina.
In città invece non ci portiamo libri dietro, quando viaggiamo per visitare una città mettiamo da parte la lettura e cerchiamo di immergerci nelle novità di quello che vediamo, ci prepariamo però al viaggio leggendo libri ambientati in quel posto. Quando siamo andati a Madrid per esempio, abbiamo recuperato un po’ di libri di Marìas che sono ambientati proprio nella capitale spagnola (leggete assolutamente Domani nella battaglia pensa a me)!

Il libro più “straniero” che tu abbia mai letto, quello che hai sentito più distante dalle tue abitudini culturali.

Ve l’avevamo già descritto come un libro particolare, interessante, ma che racconta una realtà a cui siamo poco abituati ed è Gli insetti preferiscono le ortiche di J. Tanizaki, siamo in Giappone, nella quotidianità di un matrimonio giapponese, in cui però sono davvero poche le cose che ci sono familiari. In generale la cultura dell’estremo Oriente è molto diversa dalla nostra ed è normale che questo si rispecchi anche nella letteratura, ma questa essenza straniera di questi libri c’incuriosiscono molto, infatti vorremmo recuperare un po’ di scrittori orientali, aspettiamo i vostri consigli.

Viaggiare nel passato. Un libro ambientato in un’epoca storica e in un luogo che visiteresti subito!

byzantium

Ovviamente, chi ci legge sempre, sa benissimo verso quale periodo storico, verso quali luoghi e anche verso quale autore ci porterà questa domanda. Potevamo tranquillamente non rispondere, perché sicuramente avreste azzeccato il titolo, ma può darsi anche che passi di qui qualche nuovo lettore, che non conosce i nostri gusti e quindi…
Andremo nel Medioevo ovviamente, che domanda! E in particolare andremo nel regno del Prete Giovanni insieme a Baudolino, facendo anche tappa a Costantinopoli. Ovviamente nel tempo noi viaggiamo solo con Umberto Eco e Baudolino è il nostro libro preferito.

Book Tag breve, ma intenso! Aspettiamo le vostre risposte, così potete farci conoscere posti nuovi, libri nuovi, tutto nuovo!


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

Libri che non leggerai mai, Book Tag.

Salve a tutti! Dopo lo scorso articolo, continuiamo con le unpopular opinions con questo book tag riguardante i libri che pensiamo di non leggere mai, perchè non ci attirano, perchè non ne abbiamo sentito parlare bene e per svariati altri motivi. Se dovessimo turbare la vostra sensibilità nominando titoli a voi cari, ci dispiace moltissimo, ma purtroppo un lettore è fatto di libri letti quanto di non letti!

Speriamo di conoscere presto anche le vostre risposte a queste domande e a confrontarci con voi! Buon tag.

tumblr_ox4uftSxUs1sgrduho1_1280.jpg1. Un libro molto famoso che non sei interessato a leggere: ha fatto tantissimo parlare di sé, senza suscitare il nostro interesse, Le ragazze di Emma Cline. Ispirato alla “setta” The Family il cui capo era Charles Milles Manson, parla di Evie, ragazzina tormentata che si sente inutile e non vede l’ora che qualcuno si accorga di lei. Una preda deliziosa per un clan del genere, che mira a soggiogare anime deboli per schiavizzarle e privarle della loro personalità e coscienza, per far sì che facciano le più turpi azioni. Evie quindi, come le persone che facevano parte della Family di Manson, viene catturata dalla perfezione, dall’emancipazione delle ragazze e del loro capo Russell carismatico e affascinante. Sarà che la storia in sé che ha per protagonista una ragazzina molto debole, piatta, facilmente manipolabile non ci attira molto, mettete anche che generalmente preferiamo le storie di fiction alla non fiction e ne viene fuori che da tutta questa bufera legata all’esordio spettacolare di Emma Cline, noi ne siamo usciti indenni e non ce ne pentiamo.

2. Una serie di libri che non comincerai/finirai: La serie di libri, pur molto chiacchierata, che non ha conquistato la nostra simpatia è La saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard. È un romanzo familiare, che da quello letto in giro, ricorda molto Downton Abbey (una delle nostre serie preferite), sappiamo che la scrittura è minuziosa, ricca di particolari, i personaggi sono ben caratterizzati, ma c’è un problema. Tutti quelli che conosciamo hanno amato Stoner di Williams, ora voi vi starete giustamente chiedendo che c’entra Stoner con i Cazalet, secondo noi c’entra perchè… a noi Stoner non è proprio piaciuto. Scritto benissimo eh! Una prosa eccezionale, ma gli avvenimenti, la trama così piatta, così normale, mai un colpo di scena, mai un fattore sorpresa. Abbiamo paura che con i Cazalet si possa ripetere la stessa cosa, sicuramente ci sono molti personaggi, quindi ci saranno più intrecci, più vicende da seguire, ma è comunque il racconto di una quotidianità di una serie di personaggi che si propaga nel tempo e nello spazio per ben 4 volumi. Non crediamo di farcela a sopportare.
Per quanto riguarda invece la serie che non finiremo, si tratta di Saga di Vaughan – Staples. Pur essendo totalmente diverso, non ci distacchiamo molto da una specie di romanzo familiare, che ha però anche lotte varie ed eventuali di razze aliene diverse, guerre stellari, magia, personaggi antropomorfi, sotterfugi vari, sesso, bambini, troppo praticamente. L’abbiamo iniziata, ma non ci ha catturato.

books33.jpg

 

3. Un classico che semplicemente non ti interessa: Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald. La cosa che meno ci attira, forse, è il protagonista. Insomma Jay ha rischiato tutto per farsi da solo, è capace, intelligente, l’incarnazione del benedetto mito americano, ma non riesce a togliersi di dosso Daisy, rimane ancorato al suo amore, alla sua promessa. No, non è il genere di storia che pensiamo faccia al caso nostro.

4. Generi letterari che non leggi mai: leggiamo pochissime volte gialli, perché la risoluzione di misteri a meno che non siano fatti in modo fenomenale e originale non ci attira. Non siamo fan delle inchieste e delle investigazioni, siamo più fan delle morti e degli omicidi. Non leggiamo quasi mai neanche fantasy, non perché non ci piacciano, ma perché dopo i “classici”, non sapremo da dove cominciare. Ci sono così tanti titoli, così tanti mondi, che poi finiamo sempre per rimanere nella nostra comfort zone.

5. Un libro che probabilmente non leggerai mai: più che un libro solo, siamo convinti di non voler leggere mai Bukowski. I suoi libri carichi di egocentrismo, alcool, sesso, relazioni effimere, sentimenti un po’ superficiali, tutto questo machismo raccontato in modo crudo, sporco, non è davvero quello che cerchiamo in un libro o in un autore. Preferiremmo spendere il nostro tempo con qualcosa di diverso, i libri di Charles sono per la maggior parte autobiografici e a noi della sua esistenza disinibita, anticonvenzionale, beat e giovanile, interessa veramente poco.

Carichi, carichissimi di opinioni particolarmente contestabili vi lasciamo, ricordandovi che vogliamo assolutamente sapere quali sono i libri che probabilmente non leggerete. Ovviamente se volete farci cambiare idea sui libri che abbiamo citato, noi siamo aperti all’ascolto e al dialogo, ma non vi promettiamo nulla.


 

I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

 

Libri per tutti i gelati, Book Tag!

Nuovo mese, nuovo tag che ho preso dal canale di Federica Sherwood che noi adoriamo e seguiamo sempre. Qui sotto gusti di gelato si mescolano a libri ed è con questo freschissimo tag che salutiamo anche l’estate; come sempre v’invitiamo a rispondere a queste particolari domande! Buona lettura:

tumblr_ov1yewoT7r1qj47bio1_500.jpg

1) Melone: un libro che hai già deciso di leggere durante l’estate; Un libro che ho deciso di leggere durante l’estate, ma che ancora non ho letto e non leggerò per ora perché è rimasto giù a casa (mea culpa) è: Diario di un fantasma del grandissimo Nicolas De Crecy portato in Italia grazie ad Eris Edizioni. So che è un fumetto intenso e particolare come tutti quelli di questo autore, per questo non potevamo permetterci di leggerlo leggermente e in fretta, merita le giuste attenzioni.

2) Pistacchio: un libro con la cover verde; Cover verde assolutamente Il Paradiso degli animali di Poissant edita da NN Editore. È un libro a cui siamo molto, molto affezionati perché è bellissimo, ma anche perché è la prima raccolta di racconti che ci ha conquistati, che ci è piaciuta davvero! (Vi abbiamo linkato l’articolo dove ne parliamo, sappiate che dopo un anno abbiamo ancora gli occhi a cuoricino.)

3) Nocciola: una serie molto lunga che vorresti leggere ma che probabilmente non farai e perché; la nocciola è un gusto un po’ insipido secondo noi, non l’abbiamo mai mangiato e infatti questa domanda per noi non è azzeccata visto che non siamo lettori di serie. Le uniche serie che abbiamo mai letto in vita nostra sono Harry Potter, la quadrilogia del Cimitero dei libri perduti di Zafon e L’amica geniale della Ferrante e sono tutte finite.

4) Fragola: il libro con la storia d’amore più dolce; neanche la fragola è un gusto che ci attira, siamo più propensi a magiare gusti porcosi e ipercalocici, perché accontentarsi della frutta? Infatti i libri troppo sdolcinati ed amorosi non hanno la nostra piena approvazione, ma sicuramente ci sono libri che trattano anche l’amore che ci hanno rapito, tra cui non possiamo non citare Dell’amore e di altri demoni, che parla dell’amore segreto della piccola Serva Maria. Stiamo parlando della magica ed evocativa penna di Gabriel Garcia Marquez, non potete non cedere.

 5) Vaniglia: un classico; pensando ai classici ogni titolo ci sembra banale, quindi: Il Maestro e Margherita di Bulgakov? Se una notte d’inverno un viaggiatore di Calvino? Il nome della rosa di Eco? Non lo sappiamo, fate voi.

5) Menta: un libro per bambini che ti piace; la menta è un gusto fresco come l’infanzia e i due libri che tanto ci sono piaciuti si mantengono leggeri pur portando l’attenzione su due temi importanti e su due tipi di mancanza: la mancanza d’udito e la mancanza della bellezza. Sono due fumetti diversissimi tra loro, ma entrambi ci hanno fatto pensare alla freschezza e sono: Supersorda! di Cece Bell edito da Il Battello a Vapore e Le due metà della luna di Marco Rocchi e Francesca Carità edito invece da Tunuè.

6) Fiordilatte: un libro molto lungo che hai letto molto velocemente; L’ultimo libro lunghetto che ho divorato è Il labirinto degli spiriti quarto ed ultimo volume della saga del Cimitero dei libri perduti di Zafon. L’ho letto così velocemente perché la scrittura di Zafon è grandiosa, ma anche perché è stato bellissimo immergermi nelle atmosfere e rivivere le vicende con alcuni dei personaggi letterari che mi hanno accompagnato durante l’adolescenza.

7) Tiramisù: un libro che ti ha tirato su il morale; Con Il papà di Dio ho riso parecchio e anche male. Non posso smettere di ripetervelo ogni volta che dovete leggerlo, perchè non c’è niente di più geniale!

8) Caffè: un libro che ti ha fatto stare sveglio la notte; Caffè, uno dei miei gusti preferiti, ma con questa domandina mi fa fare una specie di outing. Non giudicatemi ma l’unico libro che mi ha tenuta sveglia anche di notte è… Io, Ibra. Forse qualcuno di voi che mi segue sui vari social sa quanto sia appassionata di calcio e di volley, quindi ve lo dico di nuovo: non giudicatemi.

9) Cioccolato: un libro di cui aspetti il seguito; il nostro gusto preferito oltre al caffè è proprio cioccolato, però noi non aspettiamo nessun seguito. Lo sappiamo, siamo na mezza chiavica che non dà soddisfazioni, scusateci.

10) Mango: un libro particolare; il mango è l’unico gelato alla frutta che ci piace mangiare, ogni tanto, e lo associamo a Mooned, fumetto di Lorenzo Palloni di cui vi parleremo prestissimo: sappiate solo che c’è un astronauta sulla Luna, immobile.

 

tumblr_o5vvriAk3A1rz45azo1_250

I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑