womanstruation
Dal sito Tumblr Womanstruation

Era ferragosto, giorno festoso, caldo, pronti per la solita scampagnata quando… Menarca.
Sicuramente non provai gioia. Non che avessi capito subito la portata del cambiamento, ma non mi sembrava così allettante, poi proprio quel giorno ne avrei fatto molto volentieri a meno. Mi sentivo innanzitutto sporca, soprattutto scomoda e anche un po’ dolorante. Dopo un solo secondo da quando la prima goccia di sangue scorse, già mi sentivo diversa, poi mettici pure quel coso ingombrante e limitante tra le gambe. Era l’inizio di un incubo? Mentre scrivo ora stesso ingombro, dolore centuplicato ma sta iniziando a subentrare l’abitudine e soprattutto non sento più quella opprimente sensazione di sporcizia e quasi di colpa. È un meccanismo naturale, normale, anche se misterioso sia per noi che lo viviamo in prima persona sia per il resto del mondo. All’inizio era realmente imbarazzante, specialmente per il terrore di sporcarsi, ora però non ci faccio più neanche caso. Vedo però l’imbarazzo legato alle mestruazioni tutto intono a me: nelle commesse che quando vai a comprare gli assorbenti li posizionano nelle buste in modo che non siamo troppo visibili o quando addirittura incartano il pacco, mai sia che qualcuno sappia che è arrivato il marchese. L’assorbente poi, che oggetto misterioso. Contiene tutta la nostra sporcizia, la nostra vergogna, le nostre nefandezze oppure… contiene l’elisir di lunga vita?

20180508_103410 (1).jpg

Elise Thiebaut con una narrazione precisa, fortemente ironica e spudoratamente anticlericale, ci presenta miti e leggende legate alle mestruazioni, tabù, credenze ma anche importantissime ricerche che stanno cercando di portare chiarezza in uno dei misteri più grandi del corpo femminile. Tra cui la scoperta che nel sangue mestruale ci sono delle cellule staminali: le cellule rigenerative endometriali che potrebbero curare malattie come il diabete, la cerrosi epatica, la fibrosi cistica o la sclerosi a placche… Insomma non proprio qualcosa da schifare. Oltre a tutta una serie di ricerche che scoprirete da soli, questo saggio è godibilissimo. Non solo l’argomento è innovativo ed estremamente interessante, ma è presentato con grande lucidità. L’essere donne non ci rende automaticamente l’essere esperte di ciò che succede al nostro corpo e la Thiebaut sottolinea in varie occasioni le limitazioni a livello scientifico che riguardano sia il perché del sanguinamento, sia la sindrome premestruale, i dolori durante il ciclo che seppur riconosciuti da 2000 anni non sono mai stati indagati più di tanto, sempre rimandati alla debolezza solita della donna.

“Nonostante la sua banalità, il ciclo resta oggi un fenomeno misterioso, circondato da leggende, superstizioni, reticenza e stereotipi la cui persistenza non può che stupire.”

womastruation2
Dal sito Tumblr Womanstruation

 

Siamo più di 3 milioni al mondo, tutte abbiamo avuto il ciclo, lo stiamo avendo o lo avremo e davvero non sappiamo cosa e perché succede; e la verità è che a nessuno pare interessare più di tanto. Succede perché così deve essere, ma pur essendo una cosa così banale e normale è ancora sussurrata, disprezzata e mal vista. Se sei nervosa “hai le tue cose”, tutto cambia, manco vale la pena di parlare con te quasi come se in quella settimana diventassi incapace di intendere e di volere. Già siamo sempre un gradino sotto, nella scala d’importanza, ma se siamo pure mestruate cadiamo proprio dalla scala.

 

 

Si può parlare di “diseguaglianza mestruale” poiché le donne hanno le mestruazioni e le mestruazioni sono oggetto di tabù, le donne subiscono una forma di oppressione che nessun uomo conoscerà mai.

womanstruation2
Dal sito Tumblr Womastruation

Le mestruazioni sono gli umori che escono fuori dai nostri corpi, sono ciò che espelliamo per purificarci, perché siamo inferiori e siamo state punite con questo meraviglioso processo che ci fa perdere sangue una volta al mese. Ma la Thiebaut ci dice che il ciclo è stato anche invidiato: in varie tribù gli uomini si praticavano dei tagli genitali per imitare le mestruazioni. Il sangue mestruale era parte di riti importanti perché in molte culture rappresentava il magma che dà la vita e la fertilità. Poi è arrivato l’ebraismo, che condanna il sangue in ogni suo aspetto, che si basa sul concetto di purità e impurità ed ovviamente la donna mestruata è impura, va tenuta lontana, può contaminare. E insomma… dall’ebraismo sono venute fuori cristianesimo e islamismo, il resto lo sappiamo.

Oggi con una nuova consapevolezza, con i progressi che sta facendo il movimento femminista e cerchiamo di fare tutte noi auspichiamo di approdare alla rivoluzione mestruale. Eliminare il tabù, eliminare l’aliquota come bene di lusso sugli assorbenti, eliminare ogni discriminazione legato ad un fatto assolutamente naturale. Che siate donne o uomini questo è un libro che dovete leggere. Le mestruazioni non sono un culto misterico e devono essere considerate come parte integrante e vitale della vita di tutte e tutti.


Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤