rainyday.jpgLe vacanze pasquali sono appena finite e noi vi facciamo leggere il frutto della nostra collaborazione con le libraie di Tra Le Righe. Per il mese di marzo ho scelto il tema del cambiamento, non uno lento, progressivo, ma quei cambiamenti repentini, improvvisi. Questo perché il mese di marzo è caratterizzato da terribili e noiosi cambi climatici, nel giro di pochissimo tempo. Il fenomeno nel mio paese viene definito con il verbo marzeà, quando c’è un sole bellissimo e caldo ed insospettatamente viene a piovere, marzea. Per questo volevamo essere in pendant con l’atmosfera e vi proponiamo un racconto di cambiamenti, anzi ce lo propone la nostra libraia Valentina.

Non siamo più noi stessi, Matthew Thomas.

Dopo aver finito di leggere Non siamo più noi stessi (titolo originale We Are Not Ourselves, citazione dal Re Lear), si ha la sensazione di aver letto più di un romanzo, di aver vissuto una vita intera. Quella di Eileen Tumulty, newyorkese di origine irlandese, con un padre imponente, Big Mike, di quegli uomini che tutti rispettano nel quartiere, che tutti stanno ad ascoltare, ed una madre che soccombe ad un evento tragico, provando nel tempo a risollevare la testa. Eileen cercherà di farsi strada nella vita, di riscattarsi dalle origini umili, e lo farà anche sposando Ed, neurobiologo con una promettente carriera, di cui lei si innamora e dal quale avrà un figlio, Connell. Le ambizioni di Eileen si infrangono però nella mancanza di quelle di Ed, lui rifiuterà un incarico prestigioso per rimanere nella sua università, con i suoi studenti, e sarà lei, con il suo impiego da capoinfermiera, a mettere da parte quel denaro per andare a vivere in un quartiere più ricco, in una dimora più sontuosa.

copertinatralerigheMa la tragedia, come è preannunciata dalla citazione shakespeariana (“…non siamo più noi stessi, allorché la natura, oppressa, impone all’animo di soffrire col corpo”), incombe.
E qui c’è la ferocia della vita vera, quella che ti piomba addosso mentre tu progetti, sogni, c’è il caos in cui si precipita quando arriva ciò a cui non avevi mai pensato, che non avevi programmato. Ed si ammala, precocemente, di Alzheimer. Ma Ed è stato, nonostante i contrasti, un buon marito e un ottimo padre, e così Eileen ha un nuovo progetto, che non è più l’ascesa sociale, ma l’aiutare suo marito, l’essergli vicina, il sostenerlo in un viaggio così faticoso, così disperato, così annientante. Raramente una vita matrimoniale è stata così ben rappresentata, raramente la letteratura ha visto un padre degno di Edmund Leary, da cui molti padri (ma anche molte madri), possono trovare un esempio. All’interno del caos, i punti fermi restano, l’eredità, quella buona, dei genitori consente di galleggiare nelle tempeste,  è questo quello che riceve Connell, che gli consentirà di percorrere la sua strada. Un romanzo bellissimo, ben scritto, profondo, commovente. Non possiamo che aspettare ormai con una certa impazienza il prossimo, Matthew Thomas.

Un libro che ha al centro un cambiamento, che però non porterà a nulla di buono è Gilgi, una di noi, libro in cui la protagonista rimarrà praticamente fulminata da un incontro e da allora cambieranno non solo la sua vita, ma anche le sue aspettative, is uoi sogni e bisogni. Noi ci rivediamo con un nuovo episodio a fine mese! (Per recuperare gli episodi precedenti, cliccate qui.)  Buone letture.


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤