Nuovo mese, nuovo book tag, stavolta preso fresco fresco dal canale youtube di Ilenia Zodiaco, come sempre invitiamo tutti a rispondere a queste domande che non sono proprio facilissime. Speriamo di portarvi in viaggio tra pagine e luoghi nuovi o almeno di divertirvi per due minuti! Bando alle ciance, iniziamo:

Un libro ambientato in un luogo che non hai ancora visitato ma che ti piacerebbe visitare.

islanda

tumblr_ox2hnklb6u1s3xy1oo1_540Vi serviamo subito una banalità, ma scusate c’è davvero qualcuno che non vorrebbe visitare l’Islanda? E che non la vorrebbe visitare dopo aver letto Atlante leggendario delle strade d’Islanda? Noi siamo estremamente affascinati dalla Scandinavia a livello storico, naturalistico e infatti vorremmo recuperare tanti, tanti Iperborea per leggere di più di queste terre splendide.
Altro luogo che ci piacerebbe visitare è la Cina, scoperta a livello letterario grazie ai romanzi di Lisa See, che anche se ambientati in epoche lontane dalla nostra (ad esempio Fiore di Neve e il ventaglio segreto nella Cina imperiale, Le perle del drago verde nella Cina di Mao), raccontano una Cina estremamente reale ed autentica e pur non parlandone bene, il paese che la See rappresenta è tutto meno che idilliaco, è un posto che ci piacerebbe molto scoprire!

Un libro ambientato in un luogo che non hai visitato e dove non ti piacerebbe andare.

Proprio non ci piacerebbe andare nella provincia americana in cui sono ambientati i racconti di Mary Miller in Happy Hour, lo scenario è scarno, degradante, diciamo che la nostra provincia ci va più che bene. Un’altra zona che non ci piacerebbe proprio visitare è la Colombia, l’abbiamo letta nei libri di Gabriel Garcia Marquez, in particolare in Dell’amore e di altri demoni e abbiamo avuto durante la lettura la sensazione di sporco, appiccicoso, umido e non abbiamo avuto proprio il desiderio di salpare nel sudiciume!

Una meta che hai visitato e di cui vorresti leggere qualcosa.

Abbiamo sempre visitato posti a cui la letteratura ha fatto onore in realtà, ma se ci piacerebbe leggere qualcosa su un posto che è stato tralasciato dagli scrittori, sarebbe casa. Non proprio l’edificio rosso in cui abitiamo, ma ci piacerebbe leggere qualcosa ambientato nell’entroterra Campano o nell’entroterra dell’Italia Meridionale in generale. Sì c’è Cristo si è fermato a Eboli , ma le cose sono leggermente cambiate da quando Carlo Levi ha scritto il suo libro, pochino eh, non v’immaginate chissà quali rivoluzioni!

Un posto che hai visitato perché ti eri lasciata affascinare da un libro che avevi letto, ambientato in quel luogo, ma ne sei rimasta delusa.

Nessuno dei posti che abbiamo visitato ci ha deluso, anzi, siamo sempre tornati soddisfatti dai nostri viaggi, quindi non c’è nessun libro che ha reso le nostre aspettative altissime. Chissà se quando andremo in Russia, tutte le aspettative dei libri di cui vi abbiamo parlato qui verranno soddisfatte!

Vai al mare che libro ti porti? E in montagna? E in città?

tumblr_ox399n8Iah1s4oj39o1_540Allora, non abbiamo un genere fisso, in questo caso contano più… le dimensioni! Al mare non ci andiamo poi così spesso, però prediligiamo libri brevi, piccoli, forse più fumetti (da edicola) che così li compriamo direttamente lì e neanche li dobbiamo portare in valigia, si leggono in poco tempo, sono leggeri, funzionali per il mare!
In montagna ci viviamo le vacanze e prediligiamo i mattonazzi, per dirvi, l’ultima volta che ci siamo stati per un po’ di tempo abbiamo letto: Blankets (Craig Thompson), Eccomi (Safran Foer) e Il labirinto degli spiriti (Zafon); chissà magari quest’anno leggeremo Anna Karenina.
In città invece non ci portiamo libri dietro, quando viaggiamo per visitare una città mettiamo da parte la lettura e cerchiamo di immergerci nelle novità di quello che vediamo, ci prepariamo però al viaggio leggendo libri ambientati in quel posto. Quando siamo andati a Madrid per esempio, abbiamo recuperato un po’ di libri di Marìas che sono ambientati proprio nella capitale spagnola (leggete assolutamente Domani nella battaglia pensa a me)!

Il libro più “straniero” che tu abbia mai letto, quello che hai sentito più distante dalle tue abitudini culturali.

Ve l’avevamo già descritto come un libro particolare, interessante, ma che racconta una realtà a cui siamo poco abituati ed è Gli insetti preferiscono le ortiche di J. Tanizaki, siamo in Giappone, nella quotidianità di un matrimonio giapponese, in cui però sono davvero poche le cose che ci sono familiari. In generale la cultura dell’estremo Oriente è molto diversa dalla nostra ed è normale che questo si rispecchi anche nella letteratura, ma questa essenza straniera di questi libri c’incuriosiscono molto, infatti vorremmo recuperare un po’ di scrittori orientali, aspettiamo i vostri consigli.

Viaggiare nel passato. Un libro ambientato in un’epoca storica e in un luogo che visiteresti subito!

byzantium

Ovviamente, chi ci legge sempre, sa benissimo verso quale periodo storico, verso quali luoghi e anche verso quale autore ci porterà questa domanda. Potevamo tranquillamente non rispondere, perché sicuramente avreste azzeccato il titolo, ma può darsi anche che passi di qui qualche nuovo lettore, che non conosce i nostri gusti e quindi…
Andremo nel Medioevo ovviamente, che domanda! E in particolare andremo nel regno del Prete Giovanni insieme a Baudolino, facendo anche tappa a Costantinopoli. Ovviamente nel tempo noi viaggiamo solo con Umberto Eco e Baudolino è il nostro libro preferito.

Book Tag breve, ma intenso! Aspettiamo le vostre risposte, così potete farci conoscere posti nuovi, libri nuovi, tutto nuovo!


I link rimandano alle pagine dei prodotti su amazon a cui siamo affiliati, se volete comprare i libri e sostenere noi ed il nostro blog sarebbe un ottimo metodo e vi ringraziamo in anticipo!

Vi ricordiamo che siamo anche qui: Tararabundidee su facebook e instagram ❤