Salve carissimi, è dal mese di febbraio e precisamente da questo articolo che non vi parliamo delle serie che ci aiutano a passare le serate in solitaria. Fra i vari vaneggiamenti che faremo ne abbiamo una da consigliarvi vivamente, quindi prendete appunti!

Allora iniziamo con le serie che abbiamo concluso:

 

Once Upon a Time che è arrivata alla sesta stagione e noi boh, cioè diremmo anche basta. Le nostre stagioni preferite sono le prime, fino alle terza. Poi abbiamo notato una lentezza dilagante e un voler allungare a tutti i costi la storia, proponendo e riproponendo la stessa solfa infinite volte. Cioè da che esiste Storybrook hanno lanciato 2 milioni di sortilegi che si spezzano sempre con il bacio del vero amore, sempre tra le stesse persone. Il guaio è che questa cosa non sembra essere stata recepita dai grandi capi che invece di fermarsi stanno preparando una nuova stagione.

 

Daredevil serie Netflix – Marvel: bella, bellissima la prima e la seconda puntata dove abbiamo pianto gran parte delle nostre lacrime perché si racconta la storia di Matt. Il resto della serie no. Voi sapete che a noi piacciono molto i film cruenti e sanguinosi, ma qua si picchiano sempre nello stesso angolo di strada, sempre i soliti 2-3 tra una causa e l’altra. La prima stagione ci potrebbe anche stare, ma la seconda è terribile, tranne che per The Punisher: è un personaggio ben costruito e caratterizzato, l’unico che ha una bella storia psicologica in questa stagione, ma che forse non è stato sfruttato nel modo giusto. Insomma, un altro no.

 

Versailles, seconda stagione: della prima stagione vi abbiamo parlato approfonditamente qui, Luigi XIV è uno dei nostri personaggi storici preferiti e questa serie gli rende davvero giustizia. George Blagden è come sempre bravissimo e qui dovrà scontrarsi con la corruzione che dilaga a corte, promossa tra l’altro dalla sua protetta: la bellissima Athenais. Il nostro personaggio preferito si riconferma essere Monsier Fabien Marchal di cui viene svelato un lato un po’ più sentimentale; ci ha molto sorpresi il personaggio della Principessa Palatina ed in questa stagione ha avuto la sua rivalsa anche Maria Teresa D’Austria. Insomma questa ve la consigliamo vivamente, la trovate in francese sottotitolata.

 

Sta continuando il rewatch di Friends e di Death Note e stiamo guardando ancora a singhiozzo, Master of Sex e Mozart in the jungle 3 che per questa stagione è ambientato in Italia! Aspettiamo con ansia, come la maggior parte di voi, di vedere la nuova stagione de Il Trono di Spade e siamo un po’ incerti su cosa vedere nel nostro prossimo futuro.

Ma ora veniamo al clou, la serie più bella di questo 2017 è senza dubbio lei: The Handmaid’s Tale, tratto dall’omonimo romanzo di Margaret Atwood. Siamo in un futuro distopico, dove un manipolo di mentecatti ha il pieno controllo del corpo e della mente delle donne. Questo è dovuto a un enorme aumento della sterilità, vista come punizione divina dai Comandanti che poi hanno pensato bene di creare questa nuova società in cui ogni famiglia potente e sterile ha una sua ancella, fertile invece, che conterrà il frutto del loro “amore”.1280x720-Ol9.jpgTutto ruota intorno alla libertà o meglio alla sua mancanza. Le ancelle, ma in generale tutte le donne, sono costrette a vivere in casa, non possono leggere, scrivere, non possono uscire se non per far la spesa e soprattutto sono costrette, nel loro periodo fertile a fare sesso con il Comandante in presenza della moglie, dopo aver letto un versetto della Bibbia. La serie, anzi il romanzo, mette in luce la mancanza di libertà delle donne che (non a questi livelli) ha un’eco anche nel mondo di oggi e parla tra le altre cose anche di fanatismo, visto che è quella la causa del nuovo mondo in cui vivono i personaggi della Atwood. Insomma, una serie eccezionale, con una fotografia impeccabile, ma soprattutto con una magistrale Elisabeth Moss che è la Peggy di Mad Men, nel ruolo della protagonista June/Difred e le eccezionali Yvonne Strahovski (la Sarah Walker di Chuck) nelle vesti di Serena Joy Waterford e Madeline Brewer che interpreta Janine. Questa non ve la potete perdere, è sicuramente una serie inquietante e disturbante, ma non è solo un passatempo: lascia davvero qualcosa a cui pensare.

Questo è tutto, fateci sapere cosa state guardando di bello, perché dopo una serie di così alto livello è difficile scegliere la prossima!


 

Vi ricordiamo che potete seguire i nostri deliri seriali e cinematografici su  facebook e instagram dove ne parliamo un po’ di più! ❤

Annunci