Nomi di donna è una raccolta di racconti, molto brevi, di Gianluca Pirozzi edita da L’Erudita e lo abbiamo ricevuto dall’autore stesso. Che ringraziamo per averci mandato il suo lavoro.

I racconti, come le donne descritte, sono 13 divisi in capitoli che hanno il nome dei momenti della giornata. Le donne presentate sono tutte diverse, sono giovani, mature, bambine, mogli, sorelle, figlie, madri. Ogni piccolo racconto nasconde una sfaccettatura, una storia originale che in alcuni casi si lega a quella di altre donne.

nomididonna.jpgLe storie che più ci hanno affascinato sono quelle di Nadia che noncurante del rischio che corre sul lavoro, dà una svolta alla sua vita: facendo in modo di sentirsi, per una volta nel modo in cui avrebbe davvero voluto, ma soprattutto Fabiana. Abbiamo trovato molto delicato il tono con cui Pirozzi tratta un tema così importante, la dolcezza, ma anche la resa della storia di Fabiana che si sente in trappola in un corpo che non riesce a riconoscere come proprio, sono commoventi. Il problema di questi racconti è che sono davvero molto brevi ed in alcuni casi la mancanza di approfondimento psicologico dei personaggi si fa sentire, ad esempio la storia di Agata, che si lega al tema del femminicidio finisce in modo brusco mentre invece avremmo preferito che un tema così importante fosse svolto più lungamente e approfonditamente. Chi ci conosce lo sa che apprezziamo i personaggi ben strutturati, caratterizzati in modo preciso e in alcuni di questi racconti abbiamo trovato delle signorine un po’ scialbe. Sicuramente questo apporta varietà, movimento: c’è la storia triste, quella più pesante, quella con un bel messaggio, ma anche quella leggera, fine a sé stessa.

È un libro molto piccolo ed ogni storia è preceduta da un’illustrazione, che abbiamo trovato davvero bellissime: i disegni sono fluidi, morbidi, si confanno bene ad una narrazione che non ha un genere preciso e che spazia molto, che penetra nelle vite di tante persone diverse, portando fuori spezzoni, piccoli scatti rubati, istantanee che vengono lasciate nelle mani del lettore.

Annunci