Qui non ci sarà alcuno spoiler giuro!
Downton Abbey per me è stata una rivelazione ed’ è la serie che mi è più piaciuta fino ad ora.
Sei stagioni, finita lo scorso dicembre (precisamente il 25 dicembre) una più bella dell’altra. Trasmessa su La 5 in Italia.

tumblr_o2t5qq8ANP1v8tyooo1_1280.jpg
La cosa che sorprende di questa serie è il fatto che non succedono mai cose scontante, quando sembra tutto andare per il verso giusto taac! Tragedia, alcuni personaggi fanno cose che non ti aspetteresti mai (tenete d’occhio Spratt!) in generale è una narrazione imprevedibile e mai scontata, per questo anche se alcune puntate durano perfino 90 minuti non si avverte la minima noia o pesantezza.
La storia si apre con il Titanic sullo sfondo, passando per la Prima Guerra Mondiale. Full immersion nell’età edoardiana praticamente.
Narra di una famiglia nobile i Crawley e della loro tenuta in cui lavorano una serie di domestici.
Tra le varie vicende che legano la famiglia Crawley e i loro domestici, che quasi non sembrano tali perchè una delle basi del telefilm è un grande rispetto e amicizia che i padroni hanno verso i loro servitori, c’è tanta storia. Meravigliose le scene che vedono Matthew Crawley, Thomas e William al fronte, e la trasformazione delle tenuta in un ospedale, il tutto senza scene cruente di guerra vera, sangue e sparatorie.

Una delle cose che più mi ha colpito è la genialità con cui mostrano i primi approcci alla corrente elettrica, la radio, il telefono, i cantanti jazz, le corse con le auto e così via. Vedere Lady Violet Crawley che ha paura della luce è fantastico. Per non parlare dell’abilissimo lavoro dei costumisti che hanno saputo ricreare alla perfezione la moda del tempo, con tutti i cambiamenti nel make-up e nello stile, non dimentichiamoci che i Twenties sono ancora oggi un grande modello per moda e beauty, e in Downton Abbey tutto ciò si vede (Lady Mary e Anna docent).

 


Quello che però rende questa serie meravigliosa è il fatto che non ha protagonisti, è una grande serie corale dove si intrecciano tutte le storie, tutte le vite. Rappresenta poi la vita in tutte le sue sfumature, sono abilmente narrate tragedie così come momenti estremamente comici, ci sono persone che vanno e vengono, cambi di scala sociale… Ma soprattutto non ci sono personaggi totalmente buoni o totalmente cattivi, vengono tutti presentati così talmente bene e nei vari momenti che la vita propone che (com’è nella realtà) hanno il loro carattere, ma non possono essere etichettati. Hanno i loro momenti, alti e bassi. Così è per Mr. Bates che sembra la persona migliore del mondo, ma nasconde i suoi misteri; per Lady Mary Crawley che dopo la sua tragedia diventa l’acidità in persona, ma poi sa tornare sui suoi passi; come il Conte di Grantham che commetterà degli sbagli grossi, ma continuerà ad essere amato. È una storia che parla della vita e la descrive nel migliore dei modi. Non ho mai visto la realtà presentata così bene sullo schermo e per questo è una serie che consiglio a tutti. La consiglio davvero a tutti perchè ha le carte in regola per piacere a chiunque! Non c’è quell’insistenza su scene violente e sanguinolente, non c’è alcuna scena di sesso, la sessualità è sullo sfondo, delicata, sempre allusiva, mai volgare. Per questo si discosta un po’ dagli stereotipi delle ultime serie che stanno spopolando, soprattutto quelle prettamente storiche dove sangue&sesso la fanno da padrone.


La storia, le vicende che s’intrecciano non ne fanno comunque un telefilm leggero, ma la narrazione è scorrevole e mai banale e…la dovete vedere. Basta!

Voto: 10!

 

Annunci